Chi è l’uomo dietro al successo dei Beatles

 

Dal 30 maggio al 2 giugno i Beatles tornano al cinema in The Beatles: Sgt. Pepper & Beyond. Il documentario firmato da Alan G. Parker festeggia i 50 anni dalla pubblicazione dell’album Sgt. Pepper’s Lonely Hearts Club Band, il disco del 1967 che ha rivoluzionato il volto del rock.

Se il nome dei Beatles è famoso in tutto il mondo e la loro musica rappresenta una pietra miliare degli anni Sessanta e Settanta, il loro successo deriva anche del fortunato incontro con George Martin, il produttore musicale che li ha accompagnati durante la loro carriera.

George Martin: l’uomo dietro il successo dei Beatles

Dopo aver studiato pianoforte e oboe George Martin entra a far parte del dipartimento di musica classica della BBC, per poi passare all’etichetta EMI, una delle più importanti del tempo. Successivamente passa alla più piccola Parlophone come manager della casa discografica.

George Martin è un produttore musicale e compositore conosciuto come il Quinto Beatles per la sua forte partecipazione nella carriera dei Fab Four.

the Beatles - George Martin

Il suo compito non è solo a livello di pre produzione ma anche di attivo nelle canzoni ma ha anche suonato parti strumentali in alcuni dei brani e curato molti degli arrangiamenti, come nel finale della canzone A Day in the Life in cui suona il pianoforte insieme a Lennon, McCartney, Starr, e il tour manager Mal Evans.

Il produttore si è inoltre occupato di comporre le parti orchestrali di alcune canzoni come Yesterday Eleanor Rigby.

Il fortunato incontro

George Martin viene a conoscenza che il manager Brian Epstein sta rappresentando una band interessante che è stata rifiutata dalla Decca. Dopo un incontro con Epstein il produttore decide di proporgli un contratto, ma non accettò di firmarlo finché non avessero fatto una audizione.

Non avevo nulla da perdere, avevo offerto un penny per ogni copia venduta

dirà il produttore successivamente. Un penny da dividere in quattro per ogni copia è una sfida accettabile anche per una piccola casa discografica.

Il 6 giugno 1962 nello studio 3 di Abbey Road i Beatles registrarono 4 canzoni che Martin non giudicò abbastanza buone e decide di cambiare il batterista, da Pete Best a Ringo Starr. Quando i Beatles tornarono in sala di registrazione Martin gli propose How Do You Do It dei Gerry & the Pacemakers’ che i Beatles modificarono profondamente. Stavolta il produttore è sicuro di aver firmato un successo.

Love Me Do fu la seconda canzone portata ad Abbey Road in questa nuova sessione e la prima effettivamente pubblicata, con la partecipazione del batterista Andy White.

the beatles - geroge martin-min

A novembre 1962 Please Please Me fu registrata con un incremento del ritmo rispetto alla ballata che avevano proposto i Fab Four.

Dopo la registrazione George Martin guardò i Beatles e disse:

Signori, avete appena registrato la vostra prima canzone da numero 1

Il talento dei Beatles, grazie all’incontro con George Martin, si raffina e diventa quello che oggi conosciamo.

Un capitolo della musica al cinema

Dal 30 maggio al 2 aprile festeggia i 50 anni dell’album Sgt. Pepper’s Lonely Hearts Club Band al cinema.

The Beatles: Sgt. Pepper & Beyond racconta un capitolo di storia della musica in cui i Fab Four hanno rivoluzionato il mondo della musica. Chi è l’uomo che ha contribuito a tutto questo? George Martin ti aspetta al cinema insieme a Paul, John, George e Ringo.

2017-05-25T13:02:45+00:00